Marradi, inizio del '900

Marradi, inizio del '900

mercoledì 1 giugno 2011

L' EXPO DELLA SETA A FIRENZE NEL 1850


Paolo Ravagli, trattore di seta di Marradi,
espone un saggio
del suo lavoro

di Luisa Calderoni

Il Bombix mori
(baco da seta)


La trattura della Seta nel territorio di Marradi è un'Arte antica e caratterizzata dalla produzione di un filato di qualità, come attesta questa richiesta di riconoscimento inviata all'Esposizione Manifatturiera di Firenze del 1850 che fa riferimento alla medaglia d’argento ricevuta nel 1847 da Paolo Ravagli, Tr
attore di seta in Marradi.

.................................

La lettera di Paolo Ravagli

Illustrissimi Signori Componenti la Commissione dell'esame delle Manifatture Toscane all'Esposizione del 1850

Paolo Ravagli antico Trattore di Seta a Marradi nella Romagna Toscana, invia alla esposizione di Firenze di quest’anno N.o 48 Matasse di seta tratta, e 36 Matasse di seta gialla, e dodici di seta bianca lavorata nella sua Filanda, estratte dalla intiera partita senza scelta dai Signori Giusdicenti e Gonfaloniere locali, e dai medesimi sigillate, come consta dal loro attestato qui unito; le dette 48 matasse sono del peso di circa Libbre tredici. Anche nel 1847 Egli espose un saggio del suo lavoro e gli fu conferita la Medaglia di Argento e fu nel Rapporto rammentato per il primo fra i Trattori che conseguirono un simil premio. Da quell’epoca in poi Egli ha atteso a perfezionare il metodo di Trattura all’uso di Fossombrone.

Il gelso

Egli in quest’anno si è studiato di dare al filo una torta maggiore, ma conveniente; a tale effetto ha incrociato il filo per la lunghezza
di un terzo di braccio nello spazio che resta fra il vaievieni collocato presso l’Aspo e i Barbini immobili situati sopra la caldaia e lo ha incrociato pure fra la filiera ossia rame, e i detti Barbini immobili, così il filo corre incrociato all’Aspo per uno spazio rilevante. Ora il Ravagli che non ha risparmiato né cura né sollecitudine, né vigilanza per dare al suo filo l’unitezza, la nettezza, la resistenza, la elasticità e la lucentezza migliori, prega la Commissione a compiacersi di sottoporre il filo medesimo a tutti gli esperimenti occorrenti, anche per mezzo di qualunque macchina.

I bozzoli di seta

Che se la Commissione fosse per ritrovare nel d
etto lavoro raggiunte le condizioni di perfezionamento, e quindi lo giudicasse anche meritevole di comparire alla grande esposizione Inglese, ciò tornerebbe ad utilità e onore non solo di chi lavorò quella seta ma ancora della Toscana trattandosi di un’intera partita e non di quei soliti campioncini fatti apposta dai Trattori, e soltanto nelle occorrenze delle Esposizioni.

Un abito di seta di fine '800

Che se poi la prelodata Commiss
ione credesse di fare visitare anche l’intiera partita questa è stata appositamente consegnata nella Real Dogana di Firenze in quattro casse registrate sotto dì 19 ottobre 1850 nel Giornale di Terra 17 numero rosso 216 in p.1138 con autorizzazione a quel Signor Doganiere di lasciare visitare le dette casse di seta alla prefata Commissione o a chiunque ne venga da essa incaricato. Uniformandosi poi il Ravagli all’Art.o 8 delle Istruzioni della Commissione Toscana, dichiara di valutare la seta che sopra £27 la libbra, attesi i prezzi esorbitanti dei Bozzoli di quest’anno.
Che è quanto, Marradi 21 Ottobre 1850


Fonte Archivio storico del Comune di Marradi

Nessun commento:

Posta un commento