Marradi, inizio del '900

Marradi, inizio del '900

mercoledì 7 dicembre 2011

I mercatini di Natale a Marradi


Una tradizione nordica
interpretata in modo originale



I mercatini di natale sono di tradizione nordica, specialmente tedesca. Però da dieci anni si fanno anche a Marradi, nelle prime tre domeniche di dicembre. I mercatini marradesi, con il tempo hanno subito un' evoluzione e hanno assunto delle caratteristiche proprie. Qui da noi non piace la semplice rassegna delle bancarelle con gli addobbi natalizi e la gente gradisce una certa sceneggiatura di contesto, con intrattenimenti, personaggi e anche qualcosa da fare. Che cosa c'è nei mercatini marradesi? Giriamo un po' e vediamo:







Questo è il mercatino del 4 dicembre 2011. Si entra da un cancellino ornato e si incontra subito il banchetto del vin brulé. Bene, perché oggi è freddo.







Sopra: E' l'una e il ristorante all'aperto, sotto il Mercato Coperto, è pieno. Si mangia polenta e salsiccia, un classico in queste occasioni.

A destra: E' freddo, facciamo una sosta allo scaldamani prima di andare avanti.




Il vin brulé che abbiamo preso all'entrata ha già finito il suo effetto. Ce ne vuole un'altro: assaggiamo la ricetta di Giuseppe Paganini, che usa la Cagnina, un vino dolce di cui abbiamo detto nell'articolo sulla Sagra delle Castagne (vedi in questo Blog nel mese di ottobre).


Clicca sulle immagini
se le vuoi ingrandire




Gli addobbi natalizi non mancano di certo: ecco qui sopra il banco del negozio Fiorilla e qui a sinistra quello di Tiziana Fiorentini.


 Fantasisti e giocolieri, assieme agli immancabili cantori di gospel ci fanno compagnia.











Qui sopra a sinistra: Usciamo dalla porta in cima al percorso e passeggiamo fino al lago dell'Annunziata. Finiremo il giro più tardi.

 Sono appena le cinque e siamo già a sera. Il tempo è volato. Rientriamo dalla porta del mercatino, che ora è illuminata e facciamo il percorso inverso per tornare da dove siamo venuti.























E' cambiata aria, non è più freddo come prima. Oppure ci siamo acclimatati, o l'atmosfera natalizia con le luci della sera ci ha coinvolti e non ci fa sentire il freddo.


Ripercorriamo il paese senza accorgercene, il Babbo Natale davanti alla chiesa delle Domenicane sembra salutarci ... arrivederci a domenica prossima!


Nessun commento:

Posta un commento