Marradi, inizio del '900

Marradi, inizio del '900

mercoledì 10 febbraio 2016

La fabbricazione del sapone

Una ricetta 
per farlo in casa
ricerca di Claudio Mercatali


1910 Réclame
di una saponetta




Si può fare il sapone in casa?
Si certo, e un tempo qui da noi si faceva. Si potrebbe usare anche un olio, ma quelli dei supermercati spesso sono prodotti industriali che saponificano male. Conviene usare lo strutto, il grasso di porco, che si compra dal macellaio a tre o quattro euro al chilo. Si fa così:

Per ottenere tre piccole saponette servono 20 ml di alcool denaturato, nel quale si versano 10g di soda caustica (NaOH).

La soda caustica in pastiglie si
aggiunge direttamente all'alcool.




Si aggiunge acqua fino a 100 ml e si riscalda in un recipiente nel quale poi si mettono 10g di grasso.
A questo punto si deve mescolare di continuo e con pazienza aspettando che la soda aggredisca il grasso e formino i sali sodici degli acidi grassi, che sono appunto i saponi.
Per una buona saponificazione serve una lenta bollitura per mezz'ora, finché non compare un impasto cremoso, denso e più difficile da mescolare.




Nel frattempo in un altro recipiente si scioglie del sale da cucina in acqua, fino alla saturazione. L'impasto cremoso si versa nell'acqua salata e si mescola.













A sinistra: 
... nel frattempo in un altro recipiente 

Sopra: 
.... l'impasto cremoso si versa nell'acqua
 salata e si mescola ...








Poi si copre la bocca del recipiente e si fa scolare l'acqua. 
Conviene strizzare con le mani il sacchetto con il sapone e lavarlo un po' con l'acqua del rubinetto.








Il sapone grezzo ha un odore poco gradevole che si può coprire versando dell'acqua di colonia nell' impasto cremoso, prima o dopo il lavaggio nell' acqua salata.
Ora non rimane che versare l'impasto in uno stampo e aspettare che si asciughi.

Dunque questa è la tipica ricetta della nonna, che si usava per fare il sapone in casa con gli scarti della carne di porco  ... Erano altri mondi ...



Fonte delle immagini: Esperienza della 5A, nell'aula di chimica del Liceo Giotto Ulivi
di Borgo S.Lorenzo.

Nessun commento:

Posta un commento