Marradi, inizio del '900

Marradi, inizio del '900

giovedì 6 aprile 2017

Bartolomeo Mariscotti, monaco camaldolese di Marradi

Un' invettiva contro 
i Protestanti
letta al Sinodo Diocesano
di Faenza nel 1565
ricerca di Claudio Mercatali


 L'eremo di Camaldoli


Bartolomeo Mariscotti monaco a Camaldoli, era nativo di Marradi. Lo storico dell’ Ottocento Antonio Metelli lo definisce “scrittore di qualche grido” ma come vedremo fra poco questa definizione forse è un po’ riduttiva. 



Lo troviamo citato diverse volte anche dai letterati del Seicento e del Settecento, dai quali ci sono giunte le notizie sulla sua vita, che si possono leggere qui accanto. 







Clicca sulle immagini 
per ingrandirle
e avere una comoda lettura






I suoi scritti più importanti sono:
Li sette salmi penitenziali del santissimo Poeta Davitte dichiarati in lingua volgare, cioè tradotti dal latino e il De utilitate Concilii Tridentini, un' invettiva violenta contro i Protestanti che leggeremo fra un po'.





Era contemporaneo di Silvano Razzi, marradese anche lui e abate di quel monastero. Bartolomeo era un frate predicatore, spesso in giro per i compiti del suo ministero e scriveva spesso al suo  superiore, amico e compaesano …

Bartolomeo Mariscotti a Silvano Razzi,
monaco dell’ Ordine camaldolese per chiedere una vita felice e immortale
(traduzione dal testo latino qui sotto)


Se posso dire una cosa, mi sembra grave che l’egregia tua virtù di costumi e l’integrità di vita non abbiano permesso  in nessun modo di legarmi a te, mio soavissimo Silvano, fin dal tempo in cui venni a vivere nella tua comunità per unirmi a te con molto amore e convinzione e per dedicarti la mia vita: sono tanto lontano per quanto mi dedichi agli studi, con la diligenza, l’impegno e l’ingegno che c’è in me (che benché siano poca cosa, ti furono spesso molto graditi)  per farti piacere.

In più il legame per il fatto che siamo dello stesso paese e della santissima religione, nella quale tu già da tempo hai dedicato una devozione costante, danno alla mia volontà di stare con te una forza incredibile e fanno in modo che non ti rifiuto niente, non lo voglio assolutamente, non devo e non posso.

Pertanto poco prima della scadenza dei tuoi  impegni e soprattutto come dicevi per onorare come si deve Antonio Pisano, colonna e vanto camaldolese, ora abate Classense in carica nello studio di Ravenna e secondo le nostre confidenze che avemmo nel sinodo diocesano, se ti importasse e desiderassi con forza da me che mi occupassi di quel che c’è da scrivere  per quella onoranza con te a Firenze e con i tuoi Benedetto Varchi e Leonardo Salviati, e che portassi qualcosa da mostrare ai nostri,    (… conferma ora, perché intendevi farlo …) ma non l’hai fatto …

Ti ho spedito questa di cui ti ho detto ora, perché mi fa piacere che tu la legga: e se l’eruditissimo Benedetto Varchi e Leonardo Salviati (non mi pare che vi siano altri così degni) volessero presentarla farò mio il tuo consiglio. E inoltre non appena potrò ti manderò cinque mie argomentazioni riguardo a Lutero, delle quali hai visto una parte.

Ma pur essendo impedito in modo evidente dagli impegni dell’insegnamento, se forse lo vorrai lo farò per farti piacere. Conosco bene i miei limiti e i miei impegni e non ignoro il lavoro da fare per presentare questa cosa fatta bene, a te che considero l’arbitro più autorevole. Presto, permettendo il Signore, la scriverò e te la manderò.

Vale mi dulcissime atque optime Sylvane, vale, vale, et salve et crebro tuas mihi iocundissimas litteras mitte, ut quando tam longo locorum intervallo disiuncti sumus, per litteras inter nos quam saepissime colloquamur.

 Cioè: Stai bene, mio dolcissimo e ottimo Silvano, stai bene, stai bene e salve e mandami spesso le tue piacevolissime lettere, così quando siamo tanto lontani , colloquiamo per lettera fra di noi con tanta soddisfazione.

Faenza 12 marzo 1565


Dunque Bartolomeo Mariscotti era una persona sensibile. E proseguendo la lettura si capirà chiaramente che le sue convinzioni religiose erano assolute, e non sopportava i Protestanti, che per lui erano tutto quello che potrete leggere qui di seguito:

Qual è il contesto storico in cui vive fra' Bartolomeo? Siamo alla metà del Cinquecento, ed è in corso lo scisma di Martin Lutero, odiatissimo dai frati camaldolesi. Il papa Pio IV ha appena concluso il Concilio di Trento, che segna la controffensiva della Chiesa Romana e i frati predicatori come Bartolomeo girano nei Sinodi diocesani di tutta Italia e recitano le loro orazioni contro i Protestanti.
Dunque non ci rimane che leggere qualche scritto di lui. Useremo l'edizione originale della Tipografia Giunti, Firenze 1565, che si vede qui sotto, per estrarre qualche brano, accompagnato da una traduzione in sintesi.

.…………………………………………..


De utilitate concilii Tridentini (sull’utilità del Concilio di Trento)
Faventiae sinodus habita, 1565 (detta nel sinodo Diocesano di Faenza, 1565)


Tandem aliquando, patres optimi, immortalis et maximi Dei beneficio singulari, mira Sanctissimi Pii IIII, Romani,  et proinde totius christianae, catholicae …

Dopo una lunga attesa finalmente, ottimi padri, per esclusivo beneficio del Dio massimo,  si realizza una cosa ammirevole del santissimo Pio IV di Roma e di tutta la chiesa cristiana, cattolica …


Universa catholicorum ecclesia quod iamdudum opravit in oecumenicum id est ex omnis orbibus partibus congregatu, generale concilium tantis heresum pestibus, et morum perversitatibus, quibus illa est tam agitata diu, atque vexata, mederetur est consecuta: ut iam sanctissima laetizia exultantes in illa possimus erupere; haec est dies, quam fecit Dominus, exultemus, ac laetemur in ea.

L’universale assemblea dei cattolici, che già da tempo era  all’ opera  in questo concilio  ecumenico generale convenuta da tutte le parti del mondo, a causa delle tante rovine prodotte dagli eretici e da  perverse abitudini, per le quali essa è tanto scossa e ferita, è stata curata e ha ottenuto lo scopo; così ora esultanti possiamo manifestare in quella con letizia santissima: questo è il giorno che Dio ha fatto, esultiamo, e siamo lieti in questo.

…………………….


Quanta fuerit sacrosanti oecumenici concilii utilitas atque necessitas, si quo in statu res toties Catholicae Ecclesie versarentur ante concilium et quo nunc esse experint, et maxime future videantur, consideratur, facilius longe, longeque clarius apparebit: et, ut inde, ubi rerum omnium caput est, exordium sumam, nimirum a fidei nostrae ac doctrina catholicae disciplinis, quanta diversarum heresum pravitate, veluti turbolentissimis quibusdam ventorum ac procellarum tempestatis agitata navicula, Petri Sanctissima ac Apostolica fedes antea iactabatur.


… Che si consideri quanta sarà stata l’utilità e la necessità del sacrosanto ecumenico concilio, se per questo siano cambiate tutte le cose della Chiesa Cattolica rispetto a prima, e per questo ora ci sia speranza e si veda un grandissimo futuro che apparirà più facile più lungo e più chiaro: e da quel luogo dove sta il capo di tutte le cose, prenderemo inizio, proprio dalla nostra fede e dalle discipline della dottrina cattolica, per considerare quanta sia la cattiveria degli eretici nemici, come prima sia stata agitata dalle turbolenze dei venti e dal turbine delle tempeste, la navicella della Santissima e Apostolica chiesa di Pietro ...


Quot malignantur et sathanae sinagogae passim, multe palam omnibus erigebantur, et clam plurime inquibus vere Dei optimi sponsae assidue detrahebantur, et vulpes, tamquam in foueis, et maceriarum cavernis, ad vineam Domini demoliendam parate latitabant, et rudes animi, simplice in impiorum consiliis, et via peccatorum intruebantur, et dedocti viam iustitiae recta Domini semitas, et veri pastorem vocem perversissimi Lutheri orrenda sacr
ilegia, foedissimas veneris furias, et nefande impietatis genus omne docebantur.

Quante cose sono state preparate con cattiveria e istigate dappertutto molto chiaramente da tutti quelli della sinagoga di satana, e di nascosto, da loro più volte davvero le offerte di Dio ottimo sono state calunniate di continuo, e le volpi stavano nascoste nelle tane e nelle caverne pronte a tagliare la vigna di Dio,  i rudi nell’ animo presi solo da consigli sacrileghi, si erano avviati nella via dei peccati e erano dei semiti deviati dalla via retta di Dio e perversi contro la voce del vero pastore si erano messi a insegnare tutte le nefandezze e gli orrendi sacrilegi di Lutero …



… Qua paucis ante mensibus erat in transalpina Gallia tanta hereticorum multitudo congregata, quantam nunquam antea nemineribus neque etiam fortasse legerimus? Qui omnes nihil alud omnino conaretur, quam catholicum, ortodoxum nomen abolere, quam sanguinem Christianorum effundere, laniare carnem, rapere virgines, matres familia violare, villas, castella, urbes incendere, facultates diripere, agros denique fe, possessionesque dividere …


… In che modo fino a pochi mesi fa nella Gallia si era radunata una moltitudine di eretici tanto grande quanta non se ne ricordava o se ne sia forse mai raccolta prima? Tutti costoro non facevano altro che cancellare il credo cattolico ortodosso, versare il sangue dei cristiani, dilaniare la carne, rapire le vergini, violare le madri di famiglia, incendiare le case, i castelli e le città, saccheggiare, spartire i campi fra sé e dividersi le proprietà …


… Exurge, exurge quotidie domine clamabat, ne recedas longius, intende velocius in auditorium meum, ad me adiuvandam, a tanta rabie, ac furoris liberandam festina pro clementia tua: exaudi Domine, exaudi iustitia meam, deprecationem meam attende: iam satis Domine meum cor probasti, aspergere satis visitasti, ardentissimo me inimicorum igne examinasti: iam noli ultra despicere Domine, iam velociter me exaudi, ne in finem misereri obliviscaris, neque contineas in ira tua misericordias …





… Sorgi, sorgi griderò ogni giorno o Signore, che tu non sia più lontano e ti rivolga più rapidamente al mio auditorio,  per aiutarmi e liberarmi in fretta da tanta rabbia e furore con la tua clemenza: soddisfa o Signore il mio sentimento di giustizia e ascolta la mia preghiera: hai messo alla prova il mio cuore già abbastanza, sei entrato in modo abbastanza aspro, ha esaminato il mio fuoco ardentissimo contro i nemici: adesso non mi dare altro dispiacere o Signore, ma esaudiscimi rapidamente, voglio che tu dimentichi di avere compassione e la tua misericordia non trattenga la tua ira …  


… Habent fortes quo iam feriat acrius, iugulentque gladio Ecclesiae hostes perversissimos, quibus armis bonis pastores lupos rapacissimos longe a gregis Dominici caulis arceant, quibusque leones rapientes, rugentesque confodiant ...

… Perciò si facciano avanti i forti e colpiscano più duramente, e taglino con la spada la gola dei nemici perversissimi della Chiesa, con queste buone armi i pastori tengano lontano i lupi rapacissimi dalle greggi del padrone, e trafiggano i leoni feroci e ruggenti …





... in eius manum perfectam Romanae Ecclesiae, obedientiam, promptam, sinceram, perpetuamque
iuremus. Dixi



... di fronte a lui giuriamo obbedienza perfetta, pronta, 
sincera e perpetua alla Chiesa Romana. Ho detto.


Habita Faventiae in die XIII Calendae Martiae 1565
 Letta a Faenza nel giorno XIII delle Calende di Marzo 1565

Nessun commento:

Posta un commento