Lanfranco Raparo, Marradi

Lanfranco Raparo, Marradi

mercoledì 14 novembre 2012

Galileo Chini



Gli affreschi in casa Cassigoli
di Claudio Mercatali



La residenza storica della famiglia Cassigoli, a Marradi, è accanto alla chiesa arcipretale, in un edificio che passa inosservato finché c'è la porta chiusa. Se per caso il portone d'ingresso è aperto si scorge un bellissimo corridoio affrescato e si capisce che all'interno ci deve essere qualcosa di importante. In effetti la casa, antichissima, ha le pareti affrescate da Galileo Chini.
Per i cultori di storia dell'arte la famiglia Chini è ben nota ma per tutti gli altri no e quindi conviene spendere qualche parola. Nel sito mugellotoscana.it si legge che:

"Nel Mugello due secoli fa nasceva la Manifattura Chini, grande esempio di artigianato artistico nella produzione di ceramiche. Ai primi dell’800 il capostipite della famiglia Piero Alessio Chini, di professione decoratore, tramandava la passione per l’arte ai figli e ai nipoti, che da apprendisti si trasformarono in eclettici e creativi artisti. Una delle figure di maggior rilievo nella famiglia fu sicuramente Galileo Chini che, insieme al cugino Chino, fondò nel 1906 la manifattura “Fornaci San Lorenzo” a Borgo San Lorenzo, producendo ceramiche e vetrate di immediato grande successo.
All’inizio del ‘900 Galileo Chini divenne tra i massimi esponenti del Liberty italiano e nel 1906 la sua fama di artista raggiunse anche l’Oriente tanto che fu chiamato a Bangkok per affrescare il Palazzo del Trono. Successivamente la manifattura rivestì in grès ceramico lo stabilimento termale di Salsomaggiore “Lorenzo Berzieri” e Galileo Chini ne affrescò una parte, collaborando con altri artisti dell’epoca. Dal 1925 la manifattura Chini riprese la partecipazione alle varie esposizioni nazionali ed internazionali nelle quali ebbe risalto e successo il lavoro presentato da Galileo, oramai artista indiscusso sia come decoratore, sia come artefice di preziose tecniche di lavorazione. Le Fornaci continuarono la loro attività fino al 1943, quando, a seguito di un terribile bombardamento su Borgo San Lorenzo che causò anche molte vittime, subì così tanti danni che non riuscì più a riprendere una regolare attività".



Le sorelle Maria Angela e Maria Paola Cassigoli, con squisita gentilezza, hanno chiesto che gli affreschi della loro casa fossero fotografati e permesso di inserirli nel sito della biblioteca, ora che sono stati restaurati dalle abili mani di Francesco Graziani e Barbara Briccolani. E allora guardiamo.

Si parte di qui, dallo studio del prof. Antonio Cassigoli, per tanti anni direttore delle Scuole Elementari di Marradi e sindaco negli anni Cinquanta. Basta alzare gli occhi per rendersi conto dell'eleganza della pittura del Chini.




Clicca sulle immagini 
se le vuoi ingrandire




Galileo Maria Chini






Casa Cassigoli  è datata 1795 ma pare che le fondamenta risalgano al Quattrocento. La casa apparteneva a Celestina Celletti che la lasciò in eredità alla nipote Anna Cattani.
Anna Cattani era moglie di Antonio Cassigoli.


Attualmente la proprietà è delle quattro sorelle Cassigoli (Maria Grazia, Maria Rosa, Maria Angela e Maria Paola).








Questa casa è una delle pochissime 
che non vennero colpite 
dai bombardamernti aerei dell' ultima 
guerra mondiale e così questi capolavori 
sono giunti intatti fino a noi.













Nelle stanze affrescate da Galileo Chini non mancano gli effetti a sorpresa, come questa porta a scomparsa.























Le ceramiche sono della Manifattura Chini di Borgo S.Lorenzo, gestita da Chino, cugino di Galileo.

I due, spesso in disaccordo, si erano divisi e a Chino Chini era toccata la fabbrica di ceramiche.






C'erano molti altri oggetti in ceramica, ma gli Indiani dell' VIII Armata inglese nel 1944 occuparono la casa e non ebbero tanto riguardo per i soprammobili.





Nel corridoio che porta al secondo piano 
una succesisone di disegni geometrici 
e di fantasia studiata sapientemente  
ha l'effetto di ampliare lo spazio, 
come succede anche nel corridoio di ingresso.



Gli affreschi sono stati restaurati di recente
 da Francesco Graziani e Barbara Briccolani.






Queste foto sono state scattate il giorno 20 agosto 2012. Le sorelle Cassigoli, essendo l'edificio una proprietà di famiglia, chiedono di non "scaricarle" per altri utilizzi se non dopo aver ricevuto una esplicita autorizzazione.





Nessun commento:

Posta un commento