Lanfranco Raparo, Marradi

Lanfranco Raparo, Marradi

venerdì 28 novembre 2014

1891 La passerella per la Fonte di Sette


Una nuova via per una importante
sorgente di Crespino
ricerca di Luisa Calderoni




Vista dalla strada statale



La Fonte di Sette era un punto di presa importante per l'approvvigionamento idrico di Crespino prima della costruzione dell' Acquedotto degli Allocchi. Dopo la costruzione della ferrovia la sorgente rimase isolata, oltre i binari, e il Comune ottenne dalle Ferrovie che fosse fatto un sottopasso e una passerella d'accesso per permettere ai crespinesi di andare là a prendere l'acqua senza tante difficoltà.

La Società delle Strade Ferrate Meridionali, che gestiva la linea, diede seguito all'accordo e poi consegnò la passerella al Comune, per togliersi ogni obbligo di manutenzione.


Strade Ferrate Meridionali - Rete Adriatica
Ferrovia Faenza - Firenze
Sezione quarta Tronco Crespino - fosso Canecchi

Verbale di consegna di una passerella metallica costruita sul fiume Lamone in corrispondenza al ponticello al Km 0 + 151,37 e che serve per accedere alla fonte detta di Sette, di proprietà del Comune di Marradi.

Col presente verbale i sottoscritti:
Tadini Fedele, Aiutante Governativo all'uopo delegato in rappresentanza dell'Ing. capo Sezione sig. Fabbio Amaddii e il sig. Mughini ing. Antonio, quale rappresentante il Comune di Marradi, delegato a ricevere la consegna con ordinanza in data 4 novembre 1891 N° 366 del Sindaco di Marradi, di comune accordo riconoscono che la passerella sopra descritta e relative opere murarie trovasi in istato di perfetta costruzione e regolare
manutenzione, e stabiliscono quindi che dalla data del presente verbale passata in consegna All' Amministrazione Comunale di Marradi come sopra rappresentata dal sullodato Sig. Ing. Antonio Mughini la quale da oggi in avanti dovrà curarne a tutte sue spese la manutenzione, restando in pari tempo esonerata l'Amministrazione Governativa da qualunque peso e obbligo a riguardo della opera consegnata.
Col presente verbale le parti Sottoscritte fanno risultarer quanto appresso:

 



che la passerella di cui oggi si eseguisce la consegna è costituita da due putrelle ancorate con controfisso e tiranti, appoggiate su spalle in muratura incatenate a mezzo dei cuscinetti in ferro e pietra da taglio. Il pavimento è formato da lamiere striate di mq 45 e il parapetto con cantonate di 45 x 45 /5.
che tutto il ferro costituente la passerella sopradescritta è colorito a due mani di minio e due a olio e biacca con tinta cenere.
che in seguito all'ultima piena del fiume Lamone avvenuta nello scorso agosto, venne a cura e spese dell'Amministrazione Governativa provveduto perché il piano di posa delle travate metalliche fisse fosse portato al disopra del livello della massima piena anzidetta, e a tale scopo vennero rialzate le due spalle sulle quali appoggia la passerella in discorso.
che finalmente la passerella sopradescritta e le relative opere murarie trovansi in perfetto stato di costruzione e manutenzione.

Il presente verbale dovrà riportate l'approvazione dell'autorità tutoria per la sanzione dell'operato di cui si richiede per la validità dell'atto, e alla quale il convenuti ing. Antonio Mughini è soggetto.

Fatto, letto e in conferma sottoscritto in due conformi esemplari, uno dei quali verrà rimesso all'utente consegnatario dopo eseguita la registrazione gratis per conto dello Stato.

Crespino 25 novembre 1891




La Fonte di Sette versa anche oggi la sua acqua, che è una delle migliori della vallata. E' pura perché scaturisce direttamente dalla roccia di una montagna del tutto disabitata.
Dov'è? Si prende lo stradello che va al Lamone, appena fuori dall' abitato di Crespino, verso Casaglia, e si arriva alla passerella dopo cento metri. E' tutto come nel 1891 ...


A destra, dove c'è il cartello dello Stop, 
comincia la via per la fonte






... la passerella di cui oggi si eseguisce la consegna è costituita da due putrelle ancorate con controfisso e tiranti, appoggiate su spalle in muratura ...













... Il pavimento è formato da lamiere striate di mq 45
e il parapetto con cantonate di 45 x 45 /5 ...










La fonde vista dal sottopasso ferroviario




Fonte: documenti dell'Archivio storico
del Comune di Marradi






Nessun commento:

Posta un commento