Lanfranco Raparo, Marradi

Lanfranco Raparo, Marradi

giovedì 22 ottobre 2015

La luce elettrica a Marradi

1888 Si costruisce la centrale
sul fiume Lamone
ricerca di Vincenzo Benedetti



 Nel 1887 - 88 l'imprenditore Ferruccio Busato, di Lucca, assieme all'ing. Lorenzo Fabbri di Marradi pensarono che si poteva dotare di luce elettrica il nostro paese, sfruttando l'acqua del fiume Lamone al salto d'acqua oggi detto della Lontria.
Busato aveva comprato da poco il molino Presia, che sorgeva dove ora c'è la Centrale Elettrica, con l'intenzione di trasformarlo per fornire la luce a quello che poi sarà detto il Molinone e il 1 giugno 1888 scrisse al Cav. Francesco Scalini della Scala, allora Sindaco:



 
All' Illmo Sig. Cav
Francesco Scalini
Sindaco di Marradi

Il sottoscritto ha l'onore di rivolgersi alla S.V. Illma per una cosa che porterà qualora venga benevolmente accolta, vantaggio e decoro a questo paese. Avendo il sottoscritto acquistato il molino Présia per impiantare un grande stabilimento meccanico che andrà illuminato a luce elettrica e sembrandogli opportuno che anche nelle vie di questo paese la luce elettrica possa vantaggiosamente essere sostituita alla pubblica luce del petrolio con poca differenza di spesa penso fare alla S.V. la seguente proposta:

Il sottoscritto si propone di fornire la luce elettrica al paese di Marradi per lire 1500 impiantando circa 30 piccole lampade da distribuirsi nei vari punti del paese e tre grandi lampade per le maggiori piazze - e ciò entro otto mesi da oggi.
Nella fiducia che la proposta sarà dalla S.V. trovata degna di considerazione, il sottoscritto attende un cenno di riscontro e ha l'onore di segnarsi.
 
Marradi, 1 giugno 1888     
Devotissimo  Busato Ferruccio di Lucca

  
Il Sindaco gli ripose il giorno stesso:


 Marradi 1 giugno 1888

Questo Consiglio Comunale, al quale ho comunicato la proposta sua, ha accolto in massima la di lei proposta per l'impianto della luce elettrica all'interno del Paese, ma prima però di addivenire a una formale accettazione della proposta, desidera dalla S.V. un dettagliato progetto in proposito.
Nel pregarla di una sollecita risposta le dichiaro la mia distinta stima.

Il Sindaco    firmato F.Scalini


Il progetto fu presentato nel giro di pochi mesi e realizzato subito. Fu così che Marradi nel 1889 ebbe la luce elettrica nelle strade, come pochi altri paesi in Italia.

Com'era la Centrale alla fine dell' Ottocento? E nel primo Novecento? Ne possiamo avere un'idea da queste fotografie.




Sopra: La Centrale (è la casetta bassa in primo piano).
Dietro c'è l'edificio del grande Molinone, alimentato 
dalla Centrale e sullo sfondo lo stabilimento 
della Filanda Guadagni - Nati - Vespignani




Il regolatore di velocità
delle Industrie S.Giorgio,
costruito nel 1921
(ora si trova nel museo ENEL
di Bagni di Lucca)








Il personale della Centrale negli anni Trenta.
Da sinistra: Angelo Paganotto, Andrea Vizzani, Pietro Bandini e uno sconosciuto. 











La dinamo 
della ditta Ercole Marelli
di Milano
Era uno dei meccanismi
più moderni





Clicca sulle immagini
se le vuoi ingrandire






Il generatore 
attuale

La scheda di registrazione 
della Società Busato, Fabbri e C.
 alla Camera di Commercio di Firenze

Da questa si vede che Busato 
si ritirò dalla società dopo poco 
tempo e l'ing. Fabbri
rimase l'azionista di maggioranza.








Nel 1923 fu fondata la Selt Valdarno, una grande Società elettrica controllata dai gruppi industriali e finanziari Bastogi, Orlando, Cre­dito Italiano, Banco di Roma e Banca Com­merciale. La Selt in breve tempo acquistò le società elettriche della Toscana e del Lazio. La piccola Impresa Fabbri non poteva certo resistere a questa concorrenza, e anch’essa venne inglobata, il primo marzo 1927. La Valdarno applicò a tutti i marradesi il contatore dei chilowattora, che era un sistema più moderno ma anche meno romantico del pagamento un tanto a lampadina, usato dalla Società Fabbri e C.


Una bolletta di Egidio Bassetti di Popolano

E' traforata per poter essere letta da una apposita macchina. Questo sistema è l'equivalente della nostra lettura con il codice 
a barre.

La centrale elettrica di Marradi dal 1962 è dell’ENEL, funziona ed è stata automatizzata. La sua potenza non basta assolutamente per le necessità del paese, però è una fonte di energia abbastanza economica.



Fonte: Documenti della raccolta di Vincenzo Benedetti. 



Nessun commento:

Posta un commento